Deliri da lettrice #15: Generi letterari e loro sfumature

Buongiorno. Oggi parliamo di generi letterari. Un argomento complesso dal mio punto di vista e siccome spesso non capisco come inquadrare alcuni titoli, allora ho pensato di fare un ripasso delle definizioni e capire qualcosa di più.

Poesia – prosa – teatro

generi letterari
foto presa da pixabay

Il buon wikipedia mi informa che una prima grande distinzione è questa: poesia, prosa e teatro. Direi che è una divisione quasi automatica basata sul modo di scrivere le opere letterarie.
Poesia in versi, con mille metafore criptiche, un ritmo a una musicalità decisamente importanti.
Prosa è tutto ciò che non è in versi e che sostanzialmente non ha la musicalità e la rima.
Teatro invece è un misto tra i due, ha la prosa, la musicalità, il ritmo, spesso anche la musica trasformandosi in opere liriche o musical.

Parlando di prosa poi, che forse ci interessa di più in questo momento, scopriamo che entriamo in un mondo ampio e complesso. Ci sono i racconti e i romanzi, le fiabe, le biografie, le storiografie, la narrativa divulgativa. Parlare di ognuno nel dettaglio sarebbe impossibile qua perché non sono un professore di letteratura e neanche un critico letterario quindi nominerò solo alcuni generi che commenterò a modo mio.

Genere storico

Non credo servano molte definizioni: stiamo parlando di romanzi storici quindi con ambientazione in un periodo storico e con trama più o meno fedele a tale periodo.
Tutto parecchio semplice ma qui dentro ci sono i fantastorici che sono romanzi ambientati in un periodo storico preciso ma con personaggi tipici del genere fantasy. Dal mio punto di vista però ci sono i gialli o i thriller storici, con un’ambientazione storica e personaggi e fatti inventati, appartenenti al genere thriller.

Capite adesso che i generi letterari sono più complessi di quello che pensavamo. E non abbiamo ancora visto tutto.

Genere fantascienza

Fantascienza è quel misto tra fantasia e scienza, quindi parliamo di storie inventate in periodi del futuro, con tecnologie che non esistono ancora oppure molto più sviluppate di ciò che abbiano noi oggi. E ha un sacco di sottogeneri, alcuni dei quali non avevo mai sentito fino ad oggi. (ringraziamo wikipedia per il grande contributo che ha dato per la scrittura di questo articolo)

  • Fantascienza tecnologica – il nome dice abbastanza, parliamo di tecnologia, di dettagli precisi basati sulla scienza, che sia del passato o del futuro. Qualche esempio: macchine a idrogeno che volano. Una grandissima cosa direi, mi immagino dei razzi al posto del misero e semplice motore a benzina della mia macchina che quando arriva a 100 Km/h è un miracolo.
    • cyberpunk – parliamo di ambientazioni del futuro super tecnologiche ma decadenti allo stesso tempo. (una sorta di futuro dove la tecnologia è super sviluppata ma fa male al genere umano in tutto e per tutto). Ovviamente tutta la lista sotto è fatta di sottogeneri che hanno varie sfumature del filone principale, perché non possiamo farci mancare nulla.
      • post-cyberpunk – analizza gli effetti del genere principale cyberpunk
      • biopunk – ha come dettaglio principale le realtà biotecnologiche che si sono sviluppate nel tempo (armi biologiche, virus, macchinari che ormai ti leggono la mente etc)
      • nanopunk – la nanotecnologia non poteva mancare dal quadro generale (un paio di nanorobots e diventiamo dei geni che guariscono in fretta insomma)
      • dieselpunk – tecnologia e mondo basato sul potere del petrolio e dei carburanti (il petrolio, l’oro di ogni epoca insomma e le guerra che ha creato sono ormai leggenda e storia)
      • clockpunk – si riferisce a una parte della letteratura ambientata in un mondo rinascimentale dove le opere di Leonardo Da Vinci sono state realizzate e migliorate. (Non sapevo esistesse qualcosa di simile come genere, quanto cose belle si scoprono)
      • atompunk – energia atomica a non finire più (credo dal giorno in cui si è scoperta la fissione nucleare questo mondo è penetrato nella mente delle persone dando vita a scenari stupendi)
      • mythpunk – mitologia e realtà fuse in un mondo dove i personaggi mitologici sono reali e normali, nella quotidianità. (una sorta di mondo contemporaneo con Hercules che va in giro ad alzare carri armati e Afrodite che fa innamorare uomini e donne di ogni età)
      • stonepunk – tecnologia ispirata al periodo neolitico (i Flintstones insomma)
      • steampunk – genere nato negli anni ’80 dove la protagonista è la tecnologia dell’epoca vittoriana, quindi macchina a vapore, anche se molto avanzate. (mezzo storico, mezzo fantascientifico)
    • space opera – fantascienza ambientata nello spazio (persi tra le stelle, morti su Marte e scoperte di pianeti fuori dal sistema solare)
      • space opera militare – con elementi militari e guerre (le guerre per la conquista di Marte o di chissà quale altro pianeta, giusto perché uno solo da distruggere non ci basta)
      • xenofiction – i tanto misteriosi extraterrestri sono i protagonisti o comunque i personaggi principali (antenne, verdi, grigi, rosa a pois, insomma per tutti i gusti)
    • apocalittico e post-apocalittico – non credo ci sia bisogna di una spiegazione, il nome dice già tutto. (una Hiroshima a livello globale tipo)
    • viaggi nel tempo – presenti spesso anche nei fantasy ( troppo belli perché siano veri ahimè)
  • fantapolitica
    • utopia – tutto bello, rosa fiori e pace e amore. Seriamente parlando, sono ambientazioni ideali da ogni punto di vista politico, economico e sociale, poco verosimili.
    • distopia – un futuro post apocalittico, basato sulle conseguenze drammatiche di molti comportamenti negativi del presente tra qui riscaldamento globale, armi nucleari. (Tutti lottano per sopravvivere, ci si ammazza senza pietà e il più forte o furbo o intelligente forse vince)

Genere Fantasy

Un genere basato sulla mitologia, sui personaggi della tradizione, dell’allegoria, dell’immaginario. Parliamo di Dei, vampiri, angeli e demoni, lupi mannari, streghe e maghi etc. Ovviamente anche qui abbiamo diversi sottogeneri, perché non possiamo farci mancare nulla.

  • high fantasy o fantasy epico
    • sword and sorcery – eroi che combattono contro i cattivi di turno (cavalieri che vogliono proteggere il castello e la donzella in pericolo credo)
    • dark fantasy – come sopra ma con una atmosfera tetra e cupa (come sopra solo con atmosfere da horror: nebbia, suspense, castelli in rovina)
  • low fantasy – un’ambientazione reale quasi con alcuni elementi fantastici
  • fantasy contemporaneo
    • urban fantasy – ambientato in un periodo contemporaneo (persone con superpoteri, vampiri o simili che girano indisturbati sulle nostre strade. Chissà che non li abbiamo anche incontrati senza sospettare nulla 😀 )
    • bangsian fantasy – paradiso, inferno e angeli sono gli elementi di questo sottogenere

Romanzo d’avventura

Nasce nel XVIII secolo come romanzo dove vengono narrate le scoperte di terre e culture lontane fatte durante viaggi. Un po’ come ritrovare se stessi, solo attraverso viaggi con diverse avventure e eventi legati alla difficoltà che si possono incontrare.

Romanzo di formazione

Romanzo dove il protagonista segue un percorso di formazione, di crescita personale e culturale. Credo siano abbastanza difficili da inquadrare in quanto spesso è visto come sottogenere di qualche altro grande genere. Pensiamo a Harry Potter che è fantasy per quanto riguarda la sua ambientazione e gli eventi narrati, tuttavia per Harry è un romanzo di formazione visto che i vari volumi seguono la sua storia e la sua crescita non solo fisica di anno in anno, ma anche culturale e personale attraverso studi, amicizie e amore.

Romanzo horror

Genere che personalmente apprezzo, che racconta di storie tetre piene di paura, di ribrezzo, di eventi raccapriccianti. Ha come sottogenere il gotico che fonde horror ed elementi del romanticismo. Non servono elementi splatter perché un horror ti faccia drizzare i peli. Penso a uno dei racconti di Edgar Allan Poe, “Il cuore rivelatore” che con il suspense crea una ansia non da poco.

Romanzo d’azione o thriller

Romanzi che hanno trame piene di suspense, azione, che hanno come protagonisti spie, criminali, avvocati e giudici, o che puntano molto sulla paura creata solo a livello psicologico.
Sono quei romanzi che ti danno un dettaglio per poi ribaltare la situazione il capitolo dopo, ti fanno capire una cosa per poi dirti che è sbagliata, e quindi passi il tempo con la tachicardia a capire chi è il colpevole, chi innocente, chi ha ragione e chi mente. E nella maggior parte dei casi, se l’autore è bravo, non capisci nulla fino all’ultima pagina.

Romanzo giallo

Il giallo è un genere usato tantissimi, crimini efferati, criminali da smascherare, poliziotti alla ricerca dei delinquenti, alle prese con casi difficili da risolvere.
Dettagli, indizi, movente, leggi, punizioni, intrighi e talpe da scovare sono parte integrante di questi romanzi.

Romanzo rosa

Romanzi che raccontano storie d’amore con intrecci a volte anche complicati, con misteri, segreti e intrighi e che finiscono sempre in un modo positivo. Non è proprio il finale da “vissero tutti felici e contenti” ma quasi. Quando il mondo ci sembra nero e cupo, questi romanzi potrebbero sollevare un po’ il morale per la positività che raccontano.

Romanzo erotico

Molto famoso negli ultimi anni, un genere che tratta in modo anche piuttosto esplicito l’amore fisico, il sesso e ciò che gira attorno alla sfera sessuale. Credo che uno dei più famosi libri sia “50 sfumature di grigio/nero/rosso” di E.L. James. Esisteva anche prima il genere ovviamente, ma forse non era altrettanto famoso visto che tratta un tema che spesso viene considerato tabù per la società. Chissà perché?

Romanzo umoristico

Romanzo che fa ridere. Ok, sono seria, è un genere che si basa sull’umorismo, sull’ironia, la satira, la presa in giro di vari comportamenti o personaggi. Sono storie che hanno come scopo divertire, strappare un sorriso a chi legge o una vera e propria risata.

Romanzo epistolare

Romanzo fatto da lettere scritte tra due o più interlocutori. (qua nulla da aggiungere, insomma lettere su lettere, botta e risposta e abbiamo il romanzo)

Le informazioni sono state prese da Wikipedia, non sono un critico letterario lo ripeto quindi ho solo cercato di fare un riassunto dell’immenso mondo che è la letteratura, un po’ a modo mio. I commenti personali sono ironici, quindi vi prego di leggerli come tale e chi lo sa, magari sorridere un po’.

Liv

Per altri Deliri leggete qui.

Informazioni

Il contenuto pubblicato sopra è protetto dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d’autore, legge n. 633/1941. Tutti i diritti sono riservati ©AlteregoUniversus.
L’articolo è stato scritto in modo ironico e con un tono divertente, e va preso come tale. Non è un manifesto contro chi non legge o una riflessione estremista per chi invece lo fa.

    Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *